ACT Magazine - Intervista a Wassim Fakhouri

ACT (See The Act) Magazine è un esperimento editoriale tutto dedicato all’arte che ci ha incuriosito per la figura carismatica e ipercreativa della mente che l'ha partorito: Wassim Fakhouri , giovane ed eccentrico direttore artistico che divide la sua vita tra Toronto e Beirut, sua terra natia. 
La rivista ci è piaciuta così tanto che, senza nascondere una punta di orgoglio, non solo l'abbiamo portata in Italia, ma l'abbiamo inviata questa agli abbonati del nostro Secret Mag Club nel mese di Aprile. Ma non ci siamo fermati a questo, abbiamo contattato Wassim e, con le estrose giravolte anche linguistiche che tanto gli appartengono, ci ha detto qualcosa di più sul perché ha dato vita a questa rivista, stampata per la prima volta a Febbraio 2020 in 500 copie.

Per iniziare, raccontaci cos'è e che cosa fa ACT.
See The ACT (Art - Culture - Talent) è uno studio creativo multidirezionale, specializzato in editoria, direzione artistica e arti visive in generale. Gli studi ACT offrono servizi di fotografia, film, eventi, branding e design. 
ACT Magazine è una rivista indipendente fondata nel 2020 e con sede a Toronto. Il nostro obiettivo è essere una destinazione per soddisfare chiunque abbia fame estetica e un luogo per mostrare persone e artisti unici e creativi di ogni tipo. Presentiamo interviste, editoriali e storie di vari artisti, creativi e talenti da tutto il mondo. 

ACT (Art, Culture and Talent) è una piattaforma espressiva, un luogo per creare, comunicare e ispirare. È un viaggio per la tua mente e una fuga dai tuoi problemi quotidiani. Un gioco con tutti gli elementi; un atto ufficiale completo. Il processo che abbiamo attraversato per creare questa rivista è lo stesso che seguiamo quando scriviamo un film: la ricerca e il desiderio di espressione. ACT crea una tribù in modo che tu le possa appartenere; può essere il tuo posto di conforto e la tua fuga. Presenta articoli che esprimono e rappresentano ciascuno dei contributor con parole proprie. 

I temi che ACT tratta in ogni articolo sono legati a vari argomenti, dalle situazioni sociali alla politica, all'economia e ai viaggi, tenendo presente che l'arte è al centro di tutto. È un progetto inclusivo di tutte le forme di espressione visiva.

Qual è il processo dal quale è nata ACT?
ACT è il risultato editoriale di lunghi anni di studi cinematografici, progetti di direzione artistica e una carriera nei settori della moda e dello styling. Gli artisti che si raccontano tra le pagine del magazine non possono essere inquadrati in una sola carriera o stile di vita. Quel che è certo è che sono tutti artisti veri, di quelli che respirano arte giorno e notte, che la vedono in ogni aspetto della vita quotidiana e per i quali l'ispirazione è ovunque.

È un lungo progetto di impegno e anche un lungo processo di osservazione. La lettura è un'attività trascurata da troppo tempo, della quale invece in passato godevamo molto di più. Dopo una lunga osservazione e ricerca è nata la necessità di creare questa rivista d'arte. 

Ci siamo assicurati che il nostro visual con tutta la sua abilità artistica e creativa fosse importante quanto le parole e gli articoli che abbiamo incluso. Tutti gli articoli sono scritti dai nostri collaboratori e, dove necessario, abbiamo incluso anche riferimenti bibliografici. Inoltre non mancano alcune pagine illustrate, memori del fatto che una delle attività preferite di noi ragazzini degli anni '90 fosse colorare. Si tratta di un modo per riconnettersi con noi stessi e "ricentrare" la mente. Infine, c'è spazio anche a letteratura e poesie, due importanti chiavi d’accesso per l’immaginazione. Abbiamo aggiunto questo ulteriore livello d'ispirazione, in modo che tutta la rivista aiuti il lettore a creare e immaginare.

Di cosa parlerete nei prossimi numeri di ACT?
I nostri prossimi argomenti saranno l'uguaglianza e il femminismo.

 

Se questa rivista vi ha incuriositi, trovate il primo numero di ACT su Frab's QUI

 

10 maggio, 2020 — Clean Canvas Collaborator

Lascia un commento

I commenti saranno verificati prima della loro pubblicazione